Soluzioni Software per l'Analisi di Bilancio per indici

Software per analisi di bilancio

Software Analisi di Bilancio con Indicatori di bilancio

La nostra soluzione software per l'Analisi di Bilancio SERDATA presenta una configurazione modulare in grado di grado di adattarsi alle singole situazioni aziendali e di elaborare una serie di indicatori ed indici fondamentali per una analisi di bilancio efficace.

La nostra conoscenza delle imprese e dei processi aziendali ci ha permesso di elaborare un strumento software articolato in grado di gestire tutte le parti di costi diretti ed indiretti di un'azienda in modo di poter effettuare tutti i controlli necessari a qualsiasi livello. Il software di indicatori di bilancio deve essere utilizzato in abbinamento alle parti del software che gestiscono la contabilità generale ma anche la gestione dei clienti esterni. Questo perché ci sono costi che posso essere di impatto solo su clienti o settori merceologici specifici. L'integrazione quindi con il modulo PRESENZE DEL PERSONALE, CONTABILITA' GENERALE, MAGAZZINO, diventa fondamentale per poter restituire una analisi di bilancio e degli indicatori efficaci per l'imprenditore. Il nostro applicativo software modulare è in grado di gestire sia la situazione patrimoniale che il contro economico, sia per totali che per centro di costo.

Le nostre soluzioni software infatti sono in grado elaborare i seguenti documenti:


Per far comprendere meglio i risultati che possiamo ottenere con il nostro sistema software integrato e modulare riportiamo di seguito alcuni principi dell'analisi di bilancio e un breve commento alle parti trattate nel controllo di gestione

.

L'analisi di bilancio è una attività complessa svolta con l'utilizzo di tecniche contabili che prevedono l'estrazione di dati di bilancio ed accorpamento degli stessi attraverso formule particolari con cui si effettuano indagini sul risultato d'esercizio (comparazione di dati nel tempo e nello spazio). L'analisi di bilancio si prefigge di trasformare i dati del bilancio in informazioni o indicatori grafici che permettono di comprendere se la direzione intrapresa dall'azienda porterà buoni o pessimi risultati. L'analisi patrimoniale, economica e finanziaria delle imprese si fonda infatti principalmente sull'individuazione di appositi indicatori e sulla determinazione di tali indicatori. Esistono indicatori significativi e non, quindi le informazioni che si possono ricavare dall'analisi non dipendono tanto dal numero degli indici bensì dalla loro "qualità", cioè dalla loro capacità di mettere in evidenza lo stato dell'azienda. Inoltre ogni indice non ha un significato autonomo e deve essere interpretato e valutato in una visione di insieme con gli altri indici ad esso correlati.A titolo di esempio ci sono indici che mettono a confronto unicamente valori indicati nello stato patrimoniale oppure solo nel conto economico, ma ci sono anche indici che confrontano lo stato patrimoniale con il conto economico. Se un imprenditore vuole conoscere lo stato di salute della propria azienda con un "checkup aziendale" potrebbe chiedersi quali indicazioni egli può ottenere dagli indici di bilancio, oltre quelle che si possono desumere dal confronto di due bilanci consecutivi o dall'analisi di situazioni economiche redatte periodicamente. La risposta consiste nel fatto che ad ogni indice di bilancio si collega un riferimento alle cause che lo determinano e quindi, esaminandole con attenzione, è facile individuare i rimedi più opportuni.



Il nostro sistema integrato di soluzioni Software SERDATA è in grado di operare a tutti gli otto livelli del controllo di gestione e dell'analisi di bilancio elaborando otto diverse tipologie di documenti e una elaborata serie di indici di bilancio




Di seguito presentiamo gli indicatori che Project srl mette a disposizione nel suo pacchetto base. Otre naturalmente a quelli che il cliente potrà richiedere in aggiunta.

Il nostro software elabora:

Di seguito una breve descrizione degl indici elaborati dal nostro sistema software per l'analisi di bilancio.

INDICI DI SOLIDITA' PATRIMONIALE


INDICI DI ROTAZIONE DEL CAPITALE


INDICI DI REDDITIVITA'




MOL

Il MOL (margine operativo lordo) è un indicatore di redditività che evidenzia il reddito di un'azienda basato solo sulla sua gestione caratteristica, al lordo di ammortamenti, della gestione finanziaria (interessi attivi e passivi), della gestione straordinaria (oneri e proventi straordinari) e della gestione fiscale (imposte sul reddito). Il MOL si può considerare adeguato se presenta un valore superiore al doppio dell'importo degli oneri finanziari.

€ 292.724,00

RO

Il RO (risultato operativo o reddito operativo) è un indicatore di redditività ottenuto detraendo dal margine operativo lordo gli ammortamenti e gli accantonamenti, ovvero il reddito dell'impresa prima della gestioni finanziaria, straordinaria e tributaria. Il RO si può considerare adeguato se presenta un valore almeno doppio dell'importo degli oneri finanziari.

€ 5.840,00

ROS

Il ROS (return on sales, ovvero il ritorno sulle vendite) rappresenta il margine prodotto dall'azienda per ogni euro di fatturato, ossia quanta parte di utile operativo, risultato della gestione caratteristica, scaturisce dal volume delle vendite effettuate.

% 0,15192

KFL - AUTOFINANZIAMENTO

L'autofinanziamento è la capacità dell'impresa di coprire il proprio fabbisogno finanziario senza ricorrere (o ricorrendo in misura minore) all'indebitamento o al capitale proprio. Le componenti che concorrono alla formazione dell’autofinanziamento sono: - la ritenzione degli utili che permette di destinare risorse alla copertura degli investimenti, quale “risparmio” generato di utili ritenuti e reinvestiti all’interno dell’azienda; - gli ammortamenti che permettono all’azienda di procurarsi una certa liquidità per effetto dell’imputazione a conto economico di costi non monetari, contrapposti a ricavi monetari derivanti dalle vendite; con il reinvestimento delle disponibilità liberate dal processo di ammortamento l’impresa costituisce una forma di finanziamento interno con la quale può ampliare la potenzialità produttiva senza ricorrere ad altre fonti di finanziamento. - altri accantonamenti che possono essere temporaneamente utilizzati per sostenere la crescita fino a che non si verificano gli eventi che generano costi o perdite per i quali essi sono stati costituiti. Per valutare l'andamento dell'autofinanziamento generato dall'impresa è molto importante rapportarne la dinamica con l'andamento del valore della produzione. Tale rapporto deve essere maggiore di 0% e con un trend crescente (o costante se molto positivo) nel tempo.

€ 313.236,00

KFL - % AUTOFINANZIAMENTO

L'autofinanziamento è la capacità dell'impresa di coprire il proprio fabbisogno finanziario senza ricorrere (o ricorrendo in misura minore) all'indebitamento o al capitale proprio. Le componenti che concorrono alla formazione dell’autofinanziamento sono: - la ritenzione degli utili che permette di destinare risorse alla copertura degli investimenti, quale “risparmio” generato di utili ritenuti e reinvestiti all’interno dell’azienda; - gli ammortamenti che permettono all’azienda di procurarsi una certa liquidità per effetto dell’imputazione a conto economico di costi non monetari, contrapposti a ricavi monetari derivanti dalle vendite; con il reinvestimento delle disponibilità liberate dal processo di ammortamento l’impresa costituisce una forma di finanziamento interno con la quale può ampliare la potenzialità produttiva senza ricorrere ad altre fonti di finanziamento. - altri accantonamenti che possono essere temporaneamente utilizzati per sostenere la crescita fino a che non si verificano gli eventi che generano costi o perdite per i quali essi sono stati costituiti. Per valutare l'andamento dell'autofinanziamento generato dall'impresa è molto importante rapportarne la dinamica con l'andamento del valore della produzione. Tale rapporto deve essere maggiore di 0% e con un trend crescente (o costante se molto positivo) nel tempo.

KFL - % AUTOFINANZIAMENTO
Nome Tachigrafo KFL Valore minimo -5
Descrizione KFL Valore massimo 15
Valore critico 0
Valore corrente 8,15 Valore ottimale 5

ROE

Il ROE (return on equity) esprime la capacità di remunerare il capitale di rischio che i soci o il proprietario hanno impiegato. Nel caso di un'azienda profit più il Roe di un'impresa è alto, più è profittevole puntare su di essa ad esempio acquistandone le azioni. Per poter dire se un dato valore di ROE è buono o cattivo bisogna metterlo a confronto con il rendimento di investimenti alternativi (BOT, CCT, depositi bancari, ecc.), cioè valutare il costo opportunità dell'investimento nell'azienda in questione. La differenza fra gli investimenti alternativi "sicuri" (BOT, CCT, ecc.) e il valore del ROE viene definita "premio al rischio" in quanto "premia" un investimento rischioso. Se il premio al rischio fosse 0 non avrebbe senso investire nell'attività rischiosa (un'impresa) in quanto è possibile ottenere la stessa remunerazione senza rischiare nulla.

% 1,53

ROI

Il ROI (return on investment) esprime la redditività e l'efficienza economica della gestione caratteristica a prescindere dalle fonti utilizzate: esprime, cioè, quanto rende il capitale investito in quell'azienda. Per poter giudicare questo indice bisogna confrontarlo con il costo medio del denaro: se il ROI è inferiore al tasso medio di interesse sui prestiti (il debito), la remunerazione del capitale di terzi farebbe diminuire il Return on equity (ROE), si avrebbe cioè una leva finanziaria negativa: farsi prestare capitali porterebbe a peggiorare i conti dell'azienda. Viceversa, se il ROI dell'azienda è maggiore del costo del denaro preso a prestito (il debito), farsi prestare denaro e usarlo nell'attività produttiva porterebbe ad aumentare i profitti e migliorare i conti.

% 0,16

ROD

Il ROD (return on debt) esprime il costo del capitale di debito, ovvero indica la onerosità del capitale preso a prestito da terzi. Indice che evidenzia il costo medio del denaro che l'azienda sostiene per il ricorso a capitale di terzi. Quindi il ROD misura la capacità dell’impresa di remunerare il capitale di debito, oltre a fornire l’incidenza degli oneri finanziari sulla redditività complessiva. Se ROI > ROD si ha convenienza a finanziare gli investimenti con il capitale di debito, poiché gli investimenti producono risorse sufficienti per il pagamento degli interessi passivi. Se ROI < ROD non si ha convenienza a finanziare gli investimenti con il capitale di debito, poiché gli investimenti non produco risorse sufficienti per il pagamento degli interessi passivi.

% 1,73

DF - DEBITI FINANZIARI

€ 1.040.114,00

DFB - DEBITI FINANZIARI A BREVE

€ 97.937,00

PFN - POSIZIONE FINANZIARIA NETTA

La posizione finanziaria netta è data dalla differenza tra le attività finanziarie a breve (ossia quelle fruttifere come titoli azionari, depositi bancari e postali, conti correnti, e quelle immediatamente disponibili come la cassa contanti) e i debiti finanziari, indipendentemente dalla scadenza temporale. La posizione finanziaria netta può essere negativa, e in questo caso è spesso usato il sinonimo di indebitamento finanziario netto. Se, al contrario, è positiva vuol dire che l'azienda ha disponibilità finanziaria (cassa).

-€ 781.235,00

CIN - CAPITALE INVESTITO NETTO

€ 945.339,00

KFLOF - RAPP. AUTOFINANZIAMENTO/ONERI FINANZIARI

I 3 rapporti (quozienti) esprimono il grado di copertura che i 3 margini di redditività (MOL, Reddito operativo e Autofinanziamento) sono in grado di fornire agli oneri finanziari complessivamente pagati dall’impresa. Per tutti e tre i quozienti la soglia di equilibrio si raggiunge con valori superiori a 2. Tali indici di copertura analizzano essenzialmente le possibili tensioni di tipo finanziario derivanti da una non adeguata copertura degli interessi passivi e dei debiti finanziari. Dei 3 indicatori quello che dovrebbe essere più corretto nel valutare la capacità di copertura degli oneri finanziari da parte della gestione corrente è quello che al numeratore presenta il MOL poichè quest'ultimo è più prossimo al concetto di “ flusso di cassa” rispetto al reddito operativo.

KFLOF - RAPP. AUTOFINANZIAMENTO/ONERI FINANZIARI
Nome Tachigrafo KFLOF Valore minimo 0
Descrizione KFLOF Valore massimo 20
Valore critico 2
Valore corrente 17,42 Valore ottimale 3

MOLOF- RAPP. MOL/ONERI FINANZIARI

I 3 rapporti (quozienti) esprimono il grado di copertura che i 3 margini di redditività (MOL, Reddito operativo e Autofinanziamento) sono in grado di fornire agli oneri finanziari complessivamente pagati dall’impresa. Per tutti e tre i quozienti la soglia di equilibrio si raggiunge con valori superiori a 2. Tali indici di copertura analizzano essenzialmente le possibili tensioni di tipo finanziario derivanti da una non adeguata copertura degli interessi passivi e dei debiti finanziari. Dei 3 indicatori quello che dovrebbe essere più corretto nel valutare la capacità di copertura degli oneri finanziari da parte della gestione corrente è quello che al numeratore presenta il MOL poichè quest'ultimo è più prossimo al concetto di “ flusso di cassa” rispetto al reddito operativo.

KMOLOF- RAPP. MOL/ONERI FINANZIARI
Nome Tachigrafo MOLOF Valore minimo 0
Descrizione MOLOF Valore massimo 20
Valore critico 2
Valore corrente 16,28 Valore ottimale 5,5

ROOF - RAPP. RO/ONERI FINANZIARI

I 3 rapporti (quozienti) esprimono il grado di copertura che i 3 margini di redditività (MOL, Reddito operativo e Autofinanziamento) sono in grado di fornire agli oneri finanziari complessivamente pagati dall’impresa. Per tutti e tre i quozienti la soglia di equilibrio si raggiunge con valori superiori a 2. Tali indici di copertura analizzano essenzialmente le possibili tensioni di tipo finanziario derivanti da una non adeguata copertura degli interessi passivi e dei debiti finanziari. Dei 3 indicatori quello che dovrebbe essere più corretto nel valutare la capacità di copertura degli oneri finanziari da parte della gestione corrente è quello che al numeratore presenta il MOL poichè quest'ultimo è più prossimo al concetto di “ flusso di cassa” rispetto al reddito operativo.

ROOF - RAPP. RO/ONERI FINANZIARI
Nome Tachigrafo ROOF Valore minimo 0
Descrizione ROOF Valore massimo 10
Valore critico 1,67
Valore corrente 0,32 Valore ottimale 4

MOLPFN % - RAPP. MOL/POSIZIONE FINANZ. NETTA

il quoziente esprime orientativamente la capacità e i tempi di rimborso delle passività finanziarie nette onerose, attraverso i flussi finanziari agganciati alla redditività di tale area gestionale

MOLPFN % - RAPP. MOL/POSIZIONE FINANZ. NETTA
Nome Tachigrafo MOLPFN Valore minimo 0
Descrizione MOLPFN Valore massimo 100
Valore critico 20
Valore corrente 37,47 Valore ottimale 50

PNVDP - RAPPORTO PATRIMONIO NETTO/VALORE DELLA PRODUZIONE

Esprime la redditività del capitale proprio in termini di valore della produzione. Cioè quante unità di valore della produzione produce l'impresa per ogni 100 unità di mezzi propri investiti. Questo indicatore si rivela utilissimo quando si analizzano imprese in fase di start up dove il valore della produzione è spesso l'unica posta positiva del conto economico.

PNVDP - RAPPORTO PATRIMONIO NETTO/VALORE DELLA PRODUZIONE
Nome Tachigrafo PNVDP Valore minimo 0
Descrizione PNVDP Valore massimo 1
Valore critico 0,1
Valore corrente 0,45 Valore ottimale 0,25

DFPN - RAPP. DEBITI FINANZIARI/PATRIMONIO NETTO

Il quoziente di indebitamento è il rapporto tra debiti finanziari netti e il patrimonio netto. Serve per verificare il grado di dipendenza dell'impresa da fonti finanziarie esterne.

DFPN - RAPP. DEBITI FINANZIARI/PATRIMONIO NETTO
Nome Tachigrafo DFPN Valore minimo 0
Descrizione DFPN Valore massimo 6
Valore critico 4
Valore corrente 0,6 Valore ottimale 2

RI - RAPPORTO DI INDEBITAMENTO FINANZIARIO (LEVERAGE)

Il rapporto di indebitamento finanziario (leverage), così definito, misura la proporzione esistente tra i finanziamenti di terzi onerosi (cioè che determinano un costo in termini di interessi passivi) netti (al netto delle eventuali attività finanziarie) e il capitale netto (o patrimonio netto). Il valore di riferimento di questo indice è 1, quando cioè la posizione finanziaria netta è pari al patrimonio netto. Ciò significa che l’impresa è stata finanziata in parti uguali dai soldi apportati dai soci e attraverso l'accantonamento di utili a riserva (patrimonio netto) e da fonti di finanziamento esterne onerose nette (posizione finanziaria netta). Per valori superiori all’unità il rapporto di indebitamento mostra valori via via peggiorativi, poiché l’azienda ricorre soprattutto a finanziamenti esterni onerosi.

RI - RAPPORTO DI INDEBITAMENTO FINANZIARIO (LEVERAGE)
Nome Tachigrafo RI Valore minimo 0
Descrizione RI Valore massimo 4
Valore critico 1,67
Valore corrente 0,45 Valore ottimale 1

GC - GRADO DI CAPITALIZZAZIONE

Il grado di capitalizzazione è un indice di struttura finanziaria che indica la proporzione tra mezzi propri e mezzi di terzi esplicitamente onerosi, rappresenta il grado di copertura che il capitale proprio garantisce ai mezzi forniti da terzi finanziatori ed esprime quindi il rischio dell’investimento di questi ultimi nell’impresa. Si ritiene che il valore debba essere superiore al 100%. Valori inferiori al 60% segnalano una situazione di attenzione. La riduzione dell’indice comporta una contrazione della garanzia che i portatori di capitale di rischio possono fornire ai portatori di capitale di debito, con progressiva trasformazione del rischio del finanziatore da rischio finanziario a rischio d’impresa; se si riduce eccessivamente può comportare la difficoltà di reperire nuovi capitali.

GC - GRADO DI CAPITALIZZAZIONE
Nome Tachigrafo GC Valore minimo 0
Descrizione GC Valore massimo 300
Valore critico 60
Valore corrente 221,01 Valore ottimale 100

GE - GEARING

Il gearing esprime il mix della struttura finanziaria dell’azienda come il leverage, quindi, offre un’indicazione simile al leverage, ma da una prospettiva diversa, ossia darà la stessa informazione del leverage ma rapportando il debito all’intera struttura finanziaria. Infatti, se il leverage = 1 significa 1 € di debito netto per ogni € di capitale netto in azienda, il gearing = 50% significa che metà della struttura finanziaria è composta di debito netto e metà di capitale netto

GE - GEARING
Nome Tachigrafo GE Valore minimo 0
Descrizione GE Valore massimo 100
Valore critico 65
Valore corrente 31,15 Valore ottimale 50

IFB - INTENSITA' FINANZIAMENTO A BREVE

Tale indicatore individua la percentuale di indebitamento a breve verso le banche necessario per realizzare un euro di ricavi. Se la percentuale è elevata è possibile la difficoltà nel procedere al rimborso dei finanziamenti bancari attraverso i soli flussi derivanti dalle vendite.

IFB - INTENSITA' FINANZIAMENTO A BREVE
Nome Tachigrafo IFB Valore minimo 0
Descrizione IFB Valore massimo 100
Valore critico 30
Valore corrente 2,55 Valore ottimale 15

TIFB - TASSO INCID. FINANZIAMENTO A BREVE

L'incidenza del debito finanziario a breve chiarisce la struttura per scadenze dell’indebitamento finanziario totale; per questa ragione la struttura per scadenze del passivo deve essere coerente con quella degli investimenti.

IFB - INTENSITA' FINANZIAMENTO A BREVE
Nome Tachigrafo TIFB Valore minimo 0
Descrizione TIFB Valore massimo 100
Valore critico 80
Valore corrente 9,42 Valore ottimale 60

IFC - INTENSITA' FINANZIAMENTO COMPLESSIVO

Questo indicatore ci dice se i debiti finanziari e la posizione finanziaria netta (PFN) aumentano più velocemente del fatturato. Se così fosse, sicuramente aumenterebbe l’incidenza degli oneri finanziari sul fatturato.

IFC - INTENSITA' FINANZIAMENTO COMPLESSIVO
Nome Tachigrafo IFC Valore minimo 0
Descrizione IFC Valore massimo 100
Valore critico 50
Valore corrente 20,32 Valore ottimale 10

ICIN - INDICE DI COPERTURA IMM. Netto

L'Indice di copertura delle immobilizzazioni netto indica se il capitale proprio (patrimonio netto) copre le immobilizzazioni, riuscendole a finanziare interamente. Un valore maggiore di 1 indica una situazione ottima. Un indice pari a 1 indica che tutte le immobilizzazioni sono finanziate con capitale proprio. Un indice inferiore deve essere ulteriormente approfondito in quanto se la parte di immobilizzazioni non coperta dal capitale proprio è finanziata da debiti a lungo esiste ugualmente equilibrio fra fonti e impieghi. Se invece se la parte di immobilizzazioni, non coperta dal capitale proprio, è finanziata da debiti a breve, sicuramente ci si trova di fronte ad uno scorretto utilizzo delle fonti di finanziamento con conseguenti problemi di squilibrio finanziario

ICIN - INDICE DI COPERTURA IMM. Netto
Nome Tachigrafo ICIN Valore minimo 0
Descrizione ICIN Valore massimo 2
Valore critico 0,5
Valore corrente 0,76 Valore ottimale 1

ICIL - INDICE DI COPERTURA IMM. Lordo

L'Indice di copertura delle immobilizzazioni lordo indica se il capitale permanente (patrimonio netto + debiti a medio/lungo termine) copre (finanzia) le immobilizzazioni. Se l'indice risulta maggiore ad 1 si manifesta una situazione ottimale ed un corretto utilizzo delle fonti di finanziamento in quanto tutti gli investimenti a medio/lungo termine sono finanziati con capitale destinato a rimanere vincolato in azienda per periodi medio lunghi. Se l'indice, invece, è inferiore a 1 si presenta uno squilibrio nella relazione tra investimenti e finanziamenti.

ICIL - INDICE DI COPERTURA IMM. Lordo
Nome Tachigrafo ICIL Valore minimo 0
Descrizione ICIL Valore massimo 2
Valore critico 1
Valore corrente 1,23 Valore ottimale 1,5

IL - INDICE DI LIQUIDITA'

L'indice di liquidità esprime la capacità di far fronte ai debiti a breve utilizzando le disponibilità a breve, senza considerare le scorte di magazzino che, per quanto riguarda la scorta di sicurezza, è più immobilizzazione che attivo circolante . E’ considerato soddisfacente un indice vicino a 1. Un valore inferiore segnala problemi di solvibilità nel breve periodo

IL - INDICE DI LIQUIDITA'
Nome Tachigrafo IL Valore minimo 0
Descrizione IL Valore massimo 2
Valore critico 0,2
Valore corrente 1,6 Valore ottimale 1,2

ID - INDICE DI DISPONIBILITA'

L'Indice di disponibilità esprime la capacità di far fronte ai debiti a breve utilizzando le disponibilità a breve (magazzino, disponibilità, liquidità). E’ considerato soddisfacente un indice vicino a 2. Un valore inferiore a 1 segnala gravi problemi di solvibilità nel breve periodo.

ID - INDICE DI DISPONIBILITA'
Nome Tachigrafo ID Valore minimo 0
Descrizione ID Valore massimo 3
Valore critico 0,5
Valore corrente 1,62 Valore ottimale 2,2

IND - INDICE DI INDIPENDENZA FINANZIARIA

L'Indice di indipendenza finanziaria indica in che percentuale l'attività d'impresa è garantita da mezzi propri, cioè dal capitale apportato dai soci ed è il rapporto tra Patrimonio Netto (cioè il Capitale più le Riserve) e il totale delle Attività al netto delle Disponibilità Liquide. L'indice è rappresentato da una percentuale che sostanzialmente mette in evidenza la solidità dell'azienda, sul piano patrimoniale. In altre parole esprime in sintesi quanta parte dei capitali investiti nell’impresa sono stati finanziati dal patrimonio netto appartenente alla stessa azienda.

IND - INDICE DI INDIPENDENZA FINANZIARIA
Nome Tachigrafo IND Valore minimo 0
Descrizione IND Valore massimo 100
Valore critico 20
Valore corrente 47,12 Valore ottimale 40

ZSCORE - INDICE DI FALLIMENTO AZIENDALE

Lo Z-SCORE è un indicatore che consente di valutare il rischio di fallimento di un'impresa e di monitorare l'evoluzione dell'impresa stessa, al fine di comprendere come essa venga valutata dagli operatori finanziari. Il modello qui adottato è quello elaborato dallo studio del Dott. P. Bottani che ha riadattato la formula ideata dal Prof. Edward I. Altman, con l'intento di applicare lo stesso modello alla realta` delle piccole e medie imprese italiane, definendo le variabili discriminanti che meglio si adattano allo scopo (per maggiori informazioni scarica l'articolo "Il modello di analisi Z-Score applicato alle PMI" al seguente link http://newsletter.sirio-is.it/files/allegati/Allegato1_1593.pdf)

ZSCORE - INDICE DI FALLIMENTO AZIENDALE
Nome Tachigrafo ZSCORE Valore minimo 0
Descrizione ZSCORE Valore massimo 15
Valore critico 4,84
Valore corrente 11,45 Valore ottimale 8,1

Scopri tutte le nostre soluzioni software dedicate alle gare d'appalto, alla gestione rifiuti, all'analisi di bilancio e le nostre soluzioni hardware e software dedicate alla gestione e rilevazione presenze del personale. In particolare Serdata, il nostro software per imprese di pulizia, dedicato alle imprese di pulizia anche di grandi dimensioni.